Week End @Firenze

pubblicato in: All posts, Italia, Week end @ | 0

—————————— GIORNO 1 ——————————

10:00 – Se arrivate a Firenze con il treno, la prima cosa che vedrete sarà la facciata in marmo bianco e verde disegnata da Leon Battista Alberti: Santa Maria Novella!

La Basilica è una delle più importanti chiese in stile Gotico in Toscana e racchiude capolavori straordinari, come gli affreschi del Ghirlandaio nella Cappella Tornabuoni, il Crocifisso di Giotto e la Trinità di Masaccio.

11:00 – La mattinata può continuare con una bella passeggiata al mercato di San Lorenzo, con bancarelle di souvenir, magliette e la classica pelletteria che fa impazzire le turiste di tutto il mondo. Da qui potrete ammirare la facciata incompiuta della Basilica di San Lorenzo, la più antica di Firenze, e visitarne l’interno. A ridosso del quartiere S. Lorenzo potrete ammirare alcune chicche che sicuramente non fanno parte della top ten dei posti da visitare a Firenze, ma che valgono davvero una (seppure veloce) toccata e fuga. Questi posti sono la casa di Collodi a via Taddea e di fronte, l’ex-convento di Sant’Orsola: un complesso medioevale del 1309 abbandonato da quasi 30 anni ed oggi istallazione di arte contemporanea mediante l’intervento dell’artista ceco Vaclav Pisvejc che, banconota dopo banconota, ha rivestito di dollari le pareti esterne dell’edificio.

13:00 – Mi raccomando, non trascurate l’aspetto culinario di Firenze. Non potete tornate a casa senza aver mangiato una focaccia con la finocchiona, bevuto Chianti e inzuppato dei cantucci nel vin santo!!!

14:30 – Rifocillati dal pranzo fiorentino, potrete attraversare il centro storico di Firenze, visitare la chiesa di Orsanmichele e proseguire verso Piazza della Signoria  ed entrare agli Uffizi.

Una scelta intelligente sarebbe quella di prenotare il biglietto e l’orario di ingresso da casa. Ci sono giorni in cui il tempo di attesa per l’ingresso, supera addirittura il tempo della visita. Considerando poi il poco tempo a disposizione, sarebbe un vero peccato!

Un’altra idea, invece, sarebbe quella di fare una visita guidata al Corridoio Vasariano. Questo tour viene fatto solo su prenotazione o in quelle poche date annuali in cui il corridoio viene aperto eccezionalmente al pubblico.

18:30 – Se la Venere di Botticelli non ha alterato senza speranza di recupero il vostro equilibrio psicosensoriale, la serata si può concludere con la  bella Piazza della Signoria e le sue opere d’arte a cielo aperto: la statua di Perseo con la testa di Medusa, la Fontana di Nettuno e la copia della statua del David di Michelangelo (l’originale si trova alla galleria dell’accademia).

Se non è troppo tardi, si potrebbe entrare anche a Palazzo Vecchio.

20:00 – Quest’ultima parte, potrebbe essere una bella idea anche per un tour notturno!

Se di sera vi va di fare una passeggiata un po’ più lunga, attraversate ponte vecchio e proseguite fino a Piazza S. Spirito dove troverete un vero e proprio mix di gente del quartiere, studenti universitari italiani e stranieri.

In alternativa, dirigetevi di nuovo verso il quartiere S. Lorenzo, ed in particolare al primo piano del mercato coperto. Lì troverete una grande piazza coperta con le “botteghe delle cose buone” in cui poter cenare e passare una bella serata easy.

 —————————— GIORNO 2 ——————————

09:00 – Partendo da S. Maria Novella, il tour può cominciare fiancheggiando le numerose vetrine di via dei Calzaiuoli, il corso del centro storico di Firenze.

L’obiettivo della mattinata è il Duomo, o Cattedrale di Santa Maria del Fiore, con la famosa cupola del Brunelleschi, il Battistero con la bronzea Porta del Paradiso ed il Campanile di Giotto.
Se avete abbastanza tempo, vale la pena di visitarli tutti, altrimenti potreste scegliere di vedere l’interno della Cattedrale e della Cupola, ahimè, limitandovi a vedere gli altri monumenti dall’esterno, e in extremis, se vi reggono le gambe, fare i 400 scalini per salire sul Campanile.

12:00 – La visita può continuare verso un’altra meta classica: la Loggia del Porcellino dove si trova il Mercato Nuovo con tante bancarelle e souvenir. Qui si trova la Fontana del Porcellino, in realtà un cinghiale in bronzo che un bambino accanto a noi ha ribattezzato “Porco cinghialoso”. Ricordatevi di inserire nella sua bocca la mano con una monetina, se questa cade nelle grate ai piedi della fontana è di buon auspicio. E si sa, un po’ di fortuna non guasta mai!

13:00 – Una bella fiorentina da un  kilo non si nega a nessuno… vegetariani a parte!

14:30 – Dopo pranzo, una bella passeggiata lungo il Ponte Vecchio, un tempo via delle “beccherie” e oggi di botteghe di orafi e argentieri. Molto caratteristico! Una volta giunti sulla sponda sud di Firenze, avrete due possibilità: se il tempo non è dei migliori potete visitare il museo di Palazzo Pitti, la Galleria Palatina e la Galleria d’Arte Moderna. Se è una bella giornata invece, una visita allo stupendo Giardino di Boboli o al Giardino delle Rose sotto all’altura di Piazzale Michelangelo.

16:00 – Di ritorno cercate la chiesa di Santa Margherita dei Cerchi, per tutti nota come chiesa di Dante e Beatrice, situata vicino quella che si crede essere la casa di Dante Alighieri. Piccola e molto poco illuminata (ma sicuramente suggestiva), i Fiorentini associano questa chiesa al luogo di incontro di Dante e Beatrice. Tradizione vuole che i cuori solitari o le anime in pena lascino delle lettere a Beatrice dinanzi la sua tomba.

Carissimi Pinocchi, purtroppo 2 giorni consentono solamente di farsi un’idea della culla del rinascimento. Oltre quanto detto, la città offre altri musei e attrazioni importanti come il Museo Nazionale del Bargello in cui è conservata la più importante raccolta di sculture del Rinascimento con capolavori di Donatello,

Michelangelo, Luca della Robbia, Verrocchio e Giambologna ed altro ancora… Non resta che partire, e ripartire, e ripartire!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.