Urban Trip_Cividale del Friuli

postato in: All posts, Italia, Places, Urban Trip | 70

Paese di frontiera, lungo la linea rossa che un tempo segnava la trincea, Cividale del Friuli continua a raccontare la sua storia.

Giulio Cesare la fondò dandole il nome di Forum Iulii, che poi sarebbe diventato il nome di un’intera regione. Addormentata sulle rive del Natisone, sulla via che unisce la pianura friulana alla valle dell’Isonzo, i Longobardi la trasformarono in capitale della provincia friulana. Fu quello il periodo di massimo splendore per questo borgo che oggi conto poco meno d 12 mila abitanti. Un posto magico e pieno di leggende.

cividale-del-friuli-passeggiata (11)

Nel ‘900 fu luogo di trincea durante la Grande Guerra e destinazione di molti, troppi, giovani militari che andavano al fronte, a farsi risucchiare dalle fauci fameliche di Caporetto. Oggi, a 100 anni dallo scoppio delle Grande Guerra, Cividale commemora ancora i tragici eventi del conflitto che la coinvolsero direttamente, attraverso diversi percorsi emozionali, che toccano i luoghi che furono scenario di importanti avvenimenti.

La passeggiata e la scoperta del borgo non può che cominciare dalle strade e dalle piazze del centro cittadino, dove si sente ancora l’eco del conflitto che investì e travolse tutto e tutti, ripercorrendo il passato attraverso ricordi ed immagini che hanno immortalato persone, cose, luoghi, istanti.

cividale-del-friuli-passeggiata (9)

Viaggiando nel tempo ci sono da visitare gli antichi resti della città longobarda, e dalla piazza del Duomo, attraversando una delle zone più suggestive di Cividale, potrete raggiungere l’Oratorio di Santa Maria in Valle, detto anche Tempietto Longobardo.

Ancora fitto è il mistero che circonda il piccolo edificio, sono ignote sia l’origine che la destinazione. Il grande fascino è dovuto al fatto che al suo interno si fondono con continuità elementi longobardi e motivi classici. Poco lontano e assolutamente da non perdere è l’ipogeo celtico, tra le testimonianze più antiche e affascinanti, un ambiente misterioso scavato nel sottosuolo, dall’origine incerta e l’utilizzo sconosciuto, forse adibito alla celebrazione di riti funerarie oppure a carceri romane e longobarde.

cividale-del-friuli-passeggiata (12)

Cividale, nel corso dei secoli, è riuscita sempre a legare storia e leggenda. Questo vale anche per uno dei suoi monumenti principali: il Ponte del Diavolo, simbolo per eccellenza della città ducale.

La leggenda del Ponte del Diavolo, alto 22,50 metri, narra che i cittadini di Cividale non avessero le risorse per costruire il ponte utile per attraversare il Natisone. Si accordarono allora con il diavolo, che promise di costruire il ponte in una sola notte, in cambio dell’anima del primo che l’avesse attraversato. Pose così l’enorme masso al centro del fiume e all’alba i cittadini trovarono il ponte in pietra che collegava le due rive. Sulla riva opposta stava il diavolo, in attesa della sua anima, i cittadini, però riuscirono ad ingannarlo, facendo passare per primo un gatto nero. Il pegno fu pagato e il ponte per 5 secoli ha permesso l’attraversamento del fiume. Solo nel 1917 venne abbattuto nella disperata ritirata di Caporetto, ma fu ricostruito, con i progetti originali, meno di un anno dopo.

cividale-del-friuli-passeggiata (8)

Come ultima tappa, raggiungete il valico di Stupizza, poco prima di varcare il confine con la Slovenia, li sono rimaste le rovine della stazione della linea ferroviaria che collegava Cividale a Caporetto, oltre che il serbatoio dell’ acqua, le latrine, alcuni edifici, probabilmente facenti funzione di sala d’aspetto. Per raggiungere e visitarle bisogna imboccare una stradina sulla sinistra, che scende verso le sponde del fiume Natisone, situata circa 400-500 metri prima del confine. Basterà poi guadare il fiume a piedi, visto che il fondale è estremamente basso.

cividale-del-friuli-passeggiata (7)

Qui un tempo la linea ferroviaria era percorsa da un trenino a scartamento ridotto che correva parallelamente alla strada. La linea, dotata di un solo binario largo 80 centimetri, era lunga 27,804 chilometri. Il servizio veniva garantito da 10 locomotive Breda che si muovevano tra la stazione della Barbetta a Cividale e quella di Caporetto, toccando le stazioni di Ponte San Quirino, San Pietro al Natisone, Brischis, Pulfero, Loch, Stupizza, Poiana e Robic. In questa ultima c’era una piattaforma girevole che veniva utilizzata per invertire il senso di marcia delle locomotive.

cividale-del-friuli-passeggiata (5)

cividale-del-friuli-passeggiata (2)

cividale-del-friuli-passeggiata (6)

cividale-del-friuli-passeggiata (10)

cividale-del-friuli-passeggiata (13)

70 risposte

  1. Jasonamils

    [url=http://adcialis.com/]where can you buy cialis in canada[/url] [url=http://cialispoint.com/]buy cialis in nz[/url] [url=http://arviagra.com/]200 viagra[/url] [url=http://sildenafilreg.com/]buy female viagra tablet in india[/url] [url=http://cialishmed.com/]cialis online pharmacy paypal[/url] [url=http://sildenafilonlineorder.com/]sildenafil 20 mg price[/url] [url=http://tadalafilmedicines.com/]canada generic tadalafil[/url] [url=http://sildenafilcitrateonline.com/]sildenafil 50 mg[/url] [url=http://viagrazzt.com/]buy viagra new zealand[/url] [url=http://pillsildenafil.com/]purchase female viagra online[/url]

  2. Denamils

    [url=http://viagrapolo.com/]25mg viagra daily[/url] [url=http://viagramulti.com/]sildenafil 96743[/url] [url=http://viagrabt.com/]buy generic viagra[/url] [url=http://sildenafilrpill.com/]sildenafil 20 coupon[/url] [url=http://sildenafilbluepills.com/]generic sildenafil 20 mg cost[/url]

  3. stornobrzinol

    Whoa! This blog looks exactly like my old one! It’s on a completely different topic but it has pretty much the same layout and design. Wonderful choice of colors!

  4. zovre lioptor

    you’re really a good webmaster. The web site loading speed is amazing. It seems that you’re doing any unique trick. Moreover, The contents are masterwork. you have done a excellent job on this topic!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.