Scoprire Bologna in 4 foto

postato in: 4 Foto per, All posts, Italia | 0

Clicca qui per scoprire le altre città!

La finestrella di Via Piella

A Bologna esistono una serie di canali che per secoli hanno alimentato l’attività di concerie, tintorie, mulini e fornaci e che ora scorrono in gran parte sotto la città. In superficie una Bologna inattesa si può scoprire raggiungendo la piccola finestra di via Piella, aperta sul canale delle Moline che scorre tra i palazzi del centro storico. Oppure andate in via Alessandrini 7, all’Opera caffè e Tulipani: il piccolissimo balcone offre un altro scorcio della stessa via d’acqua, stupenda.

bologna_4foto_itinerandi (3)

Il vaso rotto in cima alla Torre degli Asinelli

La Bologna più nota ma ugualmente caratteristica è simboleggiata dalle Due Torri, a poca distanza da piazza Maggiore. La Torre degli Asinelli è la più alta delle due, circa 98 metri, e la salita fin sulla cima vale davvero lo spettacolo; sembra inoltre che il vaso rotto che si trova in cima simboleggi la capacità politica di Bologna nella risoluzione dei conflitti.

bologna_4foto_itinerandi (2)

L’Osteria del Sole in Vicolo Ranocchi

Lì dal 1465 è la più antica di Bologna; un’antica cantina seminterrata, conservata ancora come una volta. Il mangiare si porta da fuori, al vino ci pensa l’oste. Si può bere infatti solo vino, non servono altro, i clienti entrano col cartoccio di salume e pane acquistato nel vicino “quadrilatero”, il quadrato di strade tra piazza Maggiore e le due torri, vero e proprio centro della gastronomia e della tradizione bolognese.

bologna_4foto_itinerandi-4

Il Voltone del Podestà

Il portico sotto il Palazzo del Podestà originariamente era sede del mercato e dei banchi dei notai, sotto i suoi archi venivano eseguite le sentenze capitali per impiccagione. Qualche secolo più tardi gli venne attribuito anche un significato religioso con la collocazione delle quattro statue dei protettori di Bologna (San Petronio, San Francesco, San Domenico e San Procolo).

La leggenda vuole che la volta a crociera sotto la torre dell’Arengo, trasmetta suoni e voci da un angolo all’altro, per fare in modo che in epoca medievale anche i lebbrosi potessero confessarsi.

bologna_4foto_itinerandi (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.